Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

Seguimi anche su

Facebook-iconGoogle-Plus-iconTwitter-2-iconYouTube-icon

Visitatori on line

Abbiamo 63 visitatori e nessun utente online
 

"Benvenuto Presidente"

665 voti, un pensiero agli italiani, alle loro difficoltà, ma anche alle speranze. La visita di rito alle Fosse Ardeatine, luogo simbolo di un eccidio, una profonda ferita mai completamente riemarginata per Roma e il mondo ebraico. Così è iniziato il lungo "settennato" dell'Onorevole Sergio Mattarella.

Policlinico Umberto I: "per il 2015 garantite interruzioni volontarie gravidanza", Baldi: "risultato importante"

"Interruzione volontaria di gravidanza". Un diritto che finalmente potrà essere garantito dentro le strutture competenti. Due mesi fa Michele Baldi, Consigliere regionale e capogruppo della lista civica Nicola Zingaretti, ha presentato un'interrogazione affinchè al Policlinico Umberto I fosse garantito l'esercizio di un diritto inalienabile, l'interruzione volontaria di gravidanza nei termini consentiti dalla legge e con l'assistenza di medici qualificati.

"Diffamazione", giornalisti in coro: legge sbagliata!!!

"Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure". Parole "sacre", scritte dai nostri padri costituenti e citate dall'art. 21 della nostra Costituzione.

"Sir Giorgio torna a casa": 9 anni fra lavoro, gioie, dolori, "maremoti politici" e critiche

"Sono contento di tornare a casa. Al Quirinale si sta bene, e' tutto molto bello ma si sta troppo chiusi, si esce poco". Le ultime parole di Giorgio Napolitano nella veste di Presidente della Repubblica, prima delle dimissioni ufficiali e il ritorno nella sua vecchia casa, nel Rione Monti.

Sistema sanzionatorio, Prof. Palazzo: "nessuna depenalizzazione". La risposta alle "bufale"

“Su proposta del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pietro Carlo Padoan, il Consiglio dei Ministri ha approvato uno schema di decreto delegato che recepisce le proposte elaborate dalla commissione ministeriale nominata con D.M. 27 maggio 2014 e presieduta dal Prof. Francesco Palazzo con l’obiettivo di rivedere il sistema sanzionatorio e dare attuazione alla legge delega 67/2014 in materia di pene detentive non carcerarie e depenalizzazione. L’istituto, costruito quale causa di non punibilità, consentirà una più rapida definizione, con decreto di archiviazione o con sentenza di assoluzione, dei procedimenti iniziati nei confronti di soggetti che abbiano commesso fatti di penale rilievo caratterizzati da una complessiva tenuità del fatto, evitando l’avvio di giudizi complessi e dispendiosi laddove la sanzione penale non risulti necessaria. Resta ferma la possibilità, per le persone offese, di ottenere serio ed adeguato ristoro nella competente sede civile. L’attuazione della delega consentirà ragionevolmente, nel breve periodo, di deflazionare il carico giudiziario restituendo alla giustizia la possibilità di affrontare con nuove energie indagini e processi complessi, la cui definizione possa essere ritardata o ostacolata dalla pendenza di processi relativi a fatti di particolare tenuità".

Policlinico Umberto I: a rischio diritto interruzione volontaria gravidanza, Baldi: "garantire esercizio diritto"

Legge 194/1978. "Una delle svolte epocali che ha caratterizzato il secolo scorso".

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in visita a Villa Stuart

Nella giornata di ieri, Giorgio Napolitano si è recato a Villa Stuart.

"Sei un corrotto o condannato per mafia? Niente più vitalizio"

Diversi i politici, fra deputati e senatori, indagati, imputati o condannati con sentenza definitiva passata in giudicato per reati contro la pubblica amministrazione, frode fiscale, reati contro il patrimonio, corruzione oppure per associazione a delinquere di stampo mafioso.

02 agosto 1980: quello scoppio che macchiò di sangue Bologna, l'Italia non dimentica

Bologna- sabato 2 agosto 1980 ORE 10.25

ANTONELLA CECI anni 19
ANGELA MARINO "23
LEO LUCA MARINO " 24
DOMENICA MARINO " 26
ERRICA FRIGERIO IN DIOMEDE FRESA " 57
VITO DIOMEDE FRESA " 62
CESARE FRANCESCO DIOMEDE FRESA " 14
ANNA MARIA BOSIO IN MAURI " 28
CARLO MAURI " 32
LUCA MAURI " 6
ECKHARDT MADER " 14
MARGRET ROHRS IN MADER " 39