Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

Seguimi anche su

Facebook-iconGoogle-Plus-iconTwitter-2-iconYouTube-icon

Visitatori on line

Abbiamo 138 visitatori e nessun utente online

"Sir Giorgio torna a casa": 9 anni fra lavoro, gioie, dolori, "maremoti politici" e critiche

"Sono contento di tornare a casa. Al Quirinale si sta bene, e' tutto molto bello ma si sta troppo chiusi, si esce poco". Le ultime parole di Giorgio Napolitano nella veste di Presidente della Repubblica, prima delle dimissioni ufficiali e il ritorno nella sua vecchia casa, nel Rione Monti.

Sistema sanzionatorio, Prof. Palazzo: "nessuna depenalizzazione". La risposta alle "bufale"

“Su proposta del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pietro Carlo Padoan, il Consiglio dei Ministri ha approvato uno schema di decreto delegato che recepisce le proposte elaborate dalla commissione ministeriale nominata con D.M. 27 maggio 2014 e presieduta dal Prof. Francesco Palazzo con l’obiettivo di rivedere il sistema sanzionatorio e dare attuazione alla legge delega 67/2014 in materia di pene detentive non carcerarie e depenalizzazione. L’istituto, costruito quale causa di non punibilità, consentirà una più rapida definizione, con decreto di archiviazione o con sentenza di assoluzione, dei procedimenti iniziati nei confronti di soggetti che abbiano commesso fatti di penale rilievo caratterizzati da una complessiva tenuità del fatto, evitando l’avvio di giudizi complessi e dispendiosi laddove la sanzione penale non risulti necessaria. Resta ferma la possibilità, per le persone offese, di ottenere serio ed adeguato ristoro nella competente sede civile. L’attuazione della delega consentirà ragionevolmente, nel breve periodo, di deflazionare il carico giudiziario restituendo alla giustizia la possibilità di affrontare con nuove energie indagini e processi complessi, la cui definizione possa essere ritardata o ostacolata dalla pendenza di processi relativi a fatti di particolare tenuità".

Policlinico Umberto I: a rischio diritto interruzione volontaria gravidanza, Baldi: "garantire esercizio diritto"

Legge 194/1978. "Una delle svolte epocali che ha caratterizzato il secolo scorso".

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in visita a Villa Stuart

Nella giornata di ieri, Giorgio Napolitano si è recato a Villa Stuart.

"Sei un corrotto o condannato per mafia? Niente più vitalizio"

Diversi i politici, fra deputati e senatori, indagati, imputati o condannati con sentenza definitiva passata in giudicato per reati contro la pubblica amministrazione, frode fiscale, reati contro il patrimonio, corruzione oppure per associazione a delinquere di stampo mafioso.

02 agosto 1980: quello scoppio che macchiò di sangue Bologna, l'Italia non dimentica

Bologna- sabato 2 agosto 1980 ORE 10.25

ANTONELLA CECI anni 19
ANGELA MARINO "23
LEO LUCA MARINO " 24
DOMENICA MARINO " 26
ERRICA FRIGERIO IN DIOMEDE FRESA " 57
VITO DIOMEDE FRESA " 62
CESARE FRANCESCO DIOMEDE FRESA " 14
ANNA MARIA BOSIO IN MAURI " 28
CARLO MAURI " 32
LUCA MAURI " 6
ECKHARDT MADER " 14
MARGRET ROHRS IN MADER " 39

Boldrini: "Addolorata per l'editoria, pluralismo a rischio", Butturini: "Condivido e apprezzo"

Venerdì 01 agosto. "Un giorno triste per la nostra editoria". L'Unità, storico quotidiano politico, fondato e diretto da Antonio Gramsci, da oggi non è più in edicola. "La crisi ha "abbattuto" un'altra delle colonne portanti della nostra informazione".

"Dopo di noi": la legge che i disabili sognano e attendono

"Disabilità". La peggior sfortuna che la vita possa riservarti. "Sfortuna che può diventare una condanna sei sei solo, senza più una famiglia o parenti accanto, senza aiuto alcuno". Un vicolo cieco e senza uscita che rischia di accompagnarti per tutto il corso dell'esistenza, fino alla tomba, il nostro capolinea.

"Azioni preventive e regolamenti ad hoc": la proposta anti-inquinamento acustico di Estella Marino

Azioni integrative a scopo preventivo e una regolamentazione ad hoc per il contrasto dei decibel in eccesso, prevenendo così ancor di più il fenomeno inquinamento acustico.