Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

Seguimi anche su

Facebook-iconGoogle-Plus-iconTwitter-2-iconYouTube-icon

Visitatori on line

Abbiamo 99 visitatori e nessun utente online

"Europe": "padrona" Angela, i suoi "schiavetti" e il peso dell'Europa

Germania. Ieri paese tramortito dalla crudeltà nazista e un conflitto bellico produttore di sangue, morti, disperazione, profonde lacerazioni e crisi d'identità.

Un dittatore che, dopo aver regnato, creato orrore e terrore, va incontro al suo tragico destino, il grande blocco USA-URSS che si forma e un altro tipo di guerra, la "Guerra fredda", destinata a durare anni e anni. Nel bel mezzo delle forti contrapposizioni, una "Cortina di ferro" che dividerà una città in due, disegnando così due Germanie profondamente diverse. Nonostante la divisione e le sofferenze, i tedeschi hanno potuto vantare un grande potere, quello della loro moneta. "Marco forte ai tempi del Muro, ancor più forte dopo la sua caduta".

Angela Merkel; ieri "figliol prodiga" della Germania dell'Est, oggi Cancelliere ed esponente politico di spicco della Germania unita e ancor più potente sotto l'aspetto economico-finanziario. "Frau" Angela o "Padrona" Angela; donna forte, decisa, determinata, consapevole del fatto suo e della sua popolazione. Una frusta in mano, un corpo nudo, solo un paio di autoreggenti, uomini e donne sottomessi e accovacciati per sostenerla. Uno sfondo tappezzato con raffigurati i gigli, simbolo di Firenze. Un tempo lo storico Comune, città dei vari Boccaccio, Brunelleschi, Dante, Giotto, Masaccio e della nota famiglia dei Medici, oggi città natale dell'ultimo leader politico che non "disdegna" del tutto la leadership Merkeliana; il "figliolo", a volerla dire in gergo toscano, Matteo Renzi. Prima donna e leader in Europa, con al suo fianco alleati di spicco, letteralmente sottomessi. Francia, Grecia, Italia e Spagna; i "magnifici" quattro che, nonostante le svariate analisi, idee, opinioni, pareri e smentite di sorta, sono sempre più assoggettati ai suoi voleri e a un'agenda di riforme politico-economiche da lei fortemente voluta e dettata.

"Europe", il peso dell'Europa. L'ultimo ritratto dell'Unione Europea, nemmeno lontana parente da quel vecchio e, compianto, progetto voluto dai padri costituenti. Apparentemente unita, coesa e con ciascun membro, altrettanto apparentemente, indipendente e sovrano. "Sovranità che lascia decisamente a desiderare"; l'Europa di "Padrona" Angela raccontata dall'artista Mauro Pallotta.

Nella foto "Europe", il peso dell'Europa. L'ultima opera di street art dell'artista Maupal

AddThis Social Bookmark Button

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna