Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

Seguimi anche su

Facebook-iconGoogle-Plus-iconTwitter-2-iconYouTube-icon

Visitatori on line

Abbiamo 90 visitatori e nessun utente online
 

"Europe": "Padrona" Angela, i suoi "schiavetti" e il peso dell'Europa

Germania. Ieri un paese tramortito dalla crudeltà nazista e un conflitto bellico produttore di sangue, morti, disperazione, profonde lacerazioni e crisi d'identità.

Un dittatore che, dopo aver regnato, creato orrore e terrore, va incontro al suo tragico destino: il grande blocco USA-URSS che si forma e un altro tipo di guerra, la "Guerra fredda", destinata a durare anni e anni. Nel bel mezzo delle forti contrapposizioni, una "Cortina di ferro" che dividerà una città in due, disegnando così due Germanie profondamente diverse. Nonostante la divisione e le sofferenze, i tedeschi hanno potuto vantare un grande potere, quello della loro moneta. "Marco forte ai tempi del Muro, ancor più forte dopo la sua caduta".

 

 

Angela Merkel; ieri "figliol prodiga" della Germania dell'Est, oggi Cancelliere ed esponente politico di spicco della Germania unita e ancor più potente sotto l'aspetto economico-finanziario. "Frau" Angela o "Padrona" Angela; donna forte, decisa, determinata, consapevole del fatto suo e della sua popolazione. Una frusta in mano, un corpo nudo, solo un paio di autoreggenti, uomini e donne sottomessi e accovacciati per sostenerla. Uno sfondo tappezzato con raffigurati i gigli, simbolo di Firenze. Un tempo lo storico Comune, città dei vari Boccaccio, Brunelleschi, Dante, Giotto, Masaccio e della gloriosa famiglia dei Medici, oggi città natale dell'ultimo leader politico che non "disdegna" del tutto la leadership Merkeliana; il "figliolo", a volerla dire in gergo toscano, Matteo Renzi. Prima donna e leader in Europa, con al suo fianco alleati di spicco, letteralmente sottomessi. Francia, Grecia, Italia e Spagna; i "magnifici" quattro che, nonostante le svariate analisi, idee, opinioni, pareri e smentite di sorta, sono sempre più assoggettati ai suoi voleri e a un'agenda di riforme politico-economiche da lei fortemente voluta e dettata.

 

"Europe", il peso dell'Europa. L'ultimo ritratto dell'Unione Europea, nemmeno lontana parente da quel vecchio e, compianto, progetto voluto dai padri costituenti. Apparentemente unita, coesa e con ciascun membro, altrettanto apparentemente, indipendente e sovrano. "Sovranità che lascia decisamente a desiderare". "Europe": "Padrona" Angela, i suoi "schiavetti" e il peso dell'Europa raccontati dall'artista Mauro Pallotta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Europe", il peso dell'Europa

 

Photo by Maupal (Mauro Pallotta)

AddThis Social Bookmark Button

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna