Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

Seguimi anche su

Facebook-iconGoogle-Plus-iconTwitter-2-iconYouTube-icon

Visitatori on line

Abbiamo 156 visitatori e nessun utente online
 

Solo estratti di ruolo? Debito fiscale non valido: la sonora sconfitta del potere Equitalia

Debiti fiscali fotoEquitalia. "Da cinque anni, incubo tipicamente italiano".

Una signora milanese si reca in un'agenzia territoriale, non lontano dalla sua residenza, chiedendo un resoconto della sua posizione personale con il fisco. Solo recandosi presso gli uffici competenti, prima stortura di quest'intricata vicenda, scopre che ci sono diverse cartelle esattoriali a suo carico. La contribuente chiede, come suo diritto impone, di visionare le cartelle originali o, almeno, avere una copia conforme all'originale delle stesse. Le viene fornito solo un estratto di ruolo: quest'ultimo non è altro che un semplice elenco dei presunti debiti tributari contestati alla signora stessa che, però, insiste nel chiedere le copie delle cartelle, ricevendo il secco NO del concessionario di turno. Considerata la poca chiarezza e trasparenza in merito, la via legale resta l'unica strada. Anche in sede giudiziale, Equitalia si sarebbe mostrata tutt'altro che disponibile nel mostrare la "vera" prova documentale con tutte le effettive mancanze fiscali di questa cittadina. "La battaglia, fortunatamente, produce i suoi buoni frutti". I magistrati della Commissione Regionale Tributaria di Milano stabiliscono che, senza l'esibizione delle cartelle originali o copie conformi all'originale, il debito nei riguardi del fisco si estingue.

 

Ecco il fatidico verdetto pronunciato dalla sentenza n. 3831/01/16: "nonostante la richiesta da parte del contribuente sin dal ricorso introduttivo del giudizio di produzione degli originali (o valide copie) degli atti e della documentazione inerente la rituale notifica delle cartelle, la società Equitalia non ha prodotto anche in questa sede alcun originale relativo sia alle cartelle (non prodotte anche in mera fotocopia) che alla loro notificazione” (pagina 3 della sentenza).

 

Tutto chiaro! Solo atti legalmente validi o aventi lo stesso valore legale degli originali, con tanto di timbro e firma del pubblico ufficiale in servizio. Solo elenchi o estratti di ruolo? Debito fiscale non valido. "E' così è stato". La vicenda milanese non è l'unica ad aver fatto parlare di se e a fare storia. "Casi analoghi anche sull'asse Napoli-Parma". Una sentenza pronunciata dal Tar partenopeo, esattamente la n. 3820/2015 e due verdetti della Commissione Tributaria della Città ducale, n. 15/07/10 e n. 40/01/10, sono gli altri due casi in cui la forza e la tenacia dei cittadini ha prevalso sull'immenso potere del fisco italiano. La giustizia, sul fronte fiscale, ha fatto il suo corso ed in modo eccellente. La vittoria, il grande riscatto del cittadino, la sonora sconfitta del potere "Equitalia".

AddThis Social Bookmark Button

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna