Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

Seguimi anche su

Facebook-iconGoogle-Plus-iconTwitter-2-iconYouTube-icon

Visitatori on line

Abbiamo 75 visitatori e nessun utente online

PMI: la spada di Damocle di una crisi senza fine. A colloquio con Vincenzo Elifani (CONFAPI LAZIO)

Vincenzo Elifani (Presidente CONFAPI LAZIO)PMI, piccole e medie imprese. Da qualche anno sono al centro dell'attenzione. Le piccole e medie imprese soffrono particolarmente il periodo di crisi economica che stiamo vivendo. Sono le prime ad avere maggior difficoltà nell'accesso al credito. A questo aggiungiamo i tanti casi di aziende, un tempo produttive e con un'attività nel pieno del suo sviluppo, oggi in stato di fallimento o fallite del tutto.

Osservatorio nazionale e sistemi ADR: vita e attività raccontate dalla Dott. ssa Francesca Tempesta

Mediazione (foto istituto giuridico)Un Osservatorio nazionale che studi e analizzi l'istituto giuridico della mediazione? Yes, we can! Così risponderebbe un famoso inquilino, residente oltreoceano, ma dentro il nostro amato stivale c'è chi è passato dal "poter fare" al "fare diretto". Il Forum Nazionale dei Mediatori Civili e degli Organismi di Mediazione ha presentato, lo scorso 12 maggio, una proposta per l'istituzione di un Osservatorio Nazionale che studi e analizzi, sotto tutti i suoi aspetti, la mediazione e che aiuti a diffondere la cultura del dialogo, del mediare e della conciliazione fra le parti.

Crisi del lavoro: sì a misure urgenti per abbattimento crisi nel settore della mediazione

Marco Paolo Nigi (foto segretario generale Confsal)"Sì a misure urgenti per superare la crisi del lavoro nel settore della mediazione civile e commerciale". Questo è quanto chiedono insieme Confsal, le società ad esso affiliate e il Forum Nazionale dei mediatori civili.

Debito pubblico-pil-Imu: il trittico che spaventa il nostro stivale, Italia sospesa fra ripresa e rischio baratro

Premier Enrico LettaDebito pubblico, Pil e Imu. Un trittico da brivido che tiene in apprensione e, a tratti, spaventa il nostro paese. Dopo due mesi e due giorni di blocco totale e crisi politica post elettorale, il Governo di Enrico Letta s'insedia, ottiene la fiducia di Camera, Senato, e inizia il suo cammino, speriamo più lungo possibile, con l'obiettivo di ottenere il pareggio di bilancio, scacciare l'incubo recessione, ridando segnali di crescita allo stivale.

Diversamente ricchi: perchè la crisi economica? a colloquio con il giornalista Carlo Patrignani

Carlo PatrignaniCarlo Patrignani, giornalista economico, una carriera trentennale, venticinque anni trascorsi all'AGI. Diversamente ricchi è il titolo del suo ultimo libro. Un'opera interamente dedicata alla grave situazione economica presente in Italia e nel resto del mondo.

Confindustria: Squinzi, "Emergenza economica e sociale", numeno uno industriali propone terapia d'urto

Giorgio SquinziEmergenza economica, sociale, riforme coraggiose e urgenti, terapia d’urto. Queste sono alcune delle parole usate dal Presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, nel corso di una relazione con tanto di programma per la crescita, prossima a essere sottoposta all’attenzione di tutti i partiti e che lo stesso numero uno degli industriali italiani propone.

UE: Dijsselbloem eletto Presidente Eurogruppo, il neo Presidente si presenta: "Serve ordine conti pubblici"

Jeroen DijsselbloemJeroen Dijsselbloem, 46 anni, giovane Ministro delle Finanze del Governo olandese, una laurea in economia agraria, cresciuto politicamente dentro uno schieramento laburista e tanta voglia di fare un’ottima impressione in Europa.

Diversamente ricchi: perchè la crisi? perchè il rischio di fallire? Il nuovo libro di Carlo Patrignani

Diversamente ricchi (libro)Unione Europea, anni fa un sogno, un obiettivo, oggi una realtà. Un progetto ben riuscito, da rivedere sotto tutti i suoi aspetti oppure un progetto che rischia seriamente di fallire.

Borsa: spread a 286 punti, ma Piazza Affari versa lacrime amare

Borsa italianaTorna a far capolino l’effetto Mario Monti? Le prospettive ci sarebbero tutte: il noto differenziale fra i Bpt, i titoli italiani, e i Bund tedeschi, conosciuto da tutti noi come spread, è sceso assestandosi sui 286 punti.