Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

Seguimi anche su

Facebook-iconGoogle-Plus-iconTwitter-2-iconYouTube-icon

Visitatori on line

Abbiamo 49 visitatori e nessun utente online

"Esodati" di Maupal: la frustrata Lupa, Romolo e Remo raccontano l'Italia in crisi e in fuga

La "storica" Lupa capitolina che si morde la coda, Romolo e Remo, i suoi figli, con una valigia in mano. "Destinazione? Altrove".

"Once I was": Il lungo "tormento" di Tim e Jeff Buckley raccontato da Francesco Meoni

Tim e Jeff Buckley. Un padre e un figlio, in comune il lungo tormento vissuto per un rapporto mancato con il loro rispettivo padre, il loro rapporto altrettanto difficile, la musica entra in scena nella loro esistenza.

"Soffi Vitali. Quando il cuore ricomincia a battere": premio "Anzio Incontra" all'attrice e scrittrice Claudia Conte

"Soffi Vitali. Quando il cuore ricomincia a battere". Un sentimento forte, l'attrazione, la passione che insorgono sul più bello nella vita di un uomo e una donna, colleghi di lavoro. Si conoscono, si incontrano, si scrivono. L'amore che, nonostante l'epoca modernissima, nasce, matura e si consolida nel modo più antico, tramite epistola.

C'è un morto al 3' piano: "un morto molto atipico raccontato dal regista Salvatore Scirè"

Pasquale Strippaceci, uno scrupoloso portiere di palazzo, sempre ligio al dovere, al controllo per la sicurezza dei suoi condomini, ma al quale sul più bello sfuggirà un personaggio misterioso che prima si intrufola nello stabile poi si rivelerà "un morto.....molto atipico".

"Da straniero inizio il cammino": Franz Schubert raccontato da Sandro Cappelletto

"Un genio, un uomo dall'incredibile creatività esplosiva, una personalità particolare, spesso ubriaco e difficile da introdurre nella società".

"Ciao Miss Dolce Vita"

Virna Lisi l'icona bionda che ha fatto impazzire gli americani, Anita Ekberg la "svedesona" che ha fatto innamorare i romani e poi il resto degli italiani.

"Je so' pazzo", "Napul è" e "O scarrafone": melodia, tradizione e napoletanità. L'amore partenopeo per il "suo" Pino

"Je so' pazzo", "Napul è", "O Scarrafone". Soffermarsi a parlare solo di una dolce melodia, mescolata a diversi stili musicali, sarebbe la classica considerazione elementare, ripetitiva ai limiti della paranoia, scontata. In questi tre brani, tre pezzi simbolo per Napoli, "la sua città", si concentrano tradizione e napoletanità verace.

"Pino se n'è andato".....tu dimmi quando quando?

"Tu dimmi quando quando".......E' stato uno dei suoi più celebri brani musicali che ha trasmesso vibranti emozioni e sentimenti agli animi di generazioni e generazioni. Appena quattro giorni fa era a Courmayer per la serata di Capodanno, trasmessa da Raiuno e condotta da Flavio Insinna. Ultimamente aveva appena terminato un tour in cui ha riproposto al suo pubblico tutti i suoi successi degli indimenticabili anni 80' e raccolti nel suo storico album "Nero a metà".

"La gelosissima Silvia e la principessa Marisa": il "nostro saluto" alla bellissima e talentuosa Virna

"Con quella bocca può dire ciò che vuole". Celebre frase pronunciata in un famosissimo Carosello e che sancì definitivamente il successo artistico di Virna Lisi, bellissima icona bionda del cinema nostrano che Hollywood ha cercato di portarci via.