Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

Seguimi anche su

Facebook-iconGoogle-Plus-iconTwitter-2-iconYouTube-icon

Visitatori on line

Abbiamo 115 visitatori e nessun utente online
 

Intercity Milano-Roma: zozzo servito!

IMG 01Intercity Milano-Roma. Si parte alle 06.50 della mattina, per raggiungere la capitale.

Causa di forza maggiore, abbandoniamo l’opzione treno ad alta velocità, avventurandoci in una traversata di circa 7 ore e mezza. Lodi, Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Prato Centrale, Firenze Rifredi, Arezzo, Chiusi Chianciano Terme, Orvieto, Orte, Roma Tiburtina. Il treno, poi, ha proseguito per Napoli, fermandosi a Latina, Formia ed Aversa. Carrozze piene, posto prenotato garantito, prezzo del biglietto pagato 19.90. Non aspettarsi di trovare l’ordine delle Frecce, dei Treni Italo oppure l’eleganza e il fascino del vecchio “Orient Express”, siamo assolutamente d’accordo. Alzarsi, dopo diverse ore seduti dentro uno scompartimento pieno, per sgranchire le gambe e andare alla toilette con l’obiettivo di darsi una sistemata, è sacrosanto diritto. Essere costretti però a non entrare proprio nel bagno, è la peggiore delle beffe. L’immagine che vi proponiamo parla chiaro. "Scempio all’ennesima potenza"; fare centro nel water o lavarsi la faccia, evitando di allagare in terra è un vero "optonal". Parlare di degrado igienico è sin troppo poco. Chi vi scrive e racconta, non ci ha messo nemmeno la punta del piede. Ciliegina amara sulla torta? Arriviamo a Roma con 25-30 minuti circa di ritardo.

Accade su un treno Trenitalia; più di qualcuno si scaglierebbe contro l’azienda ferroviaria di bandiera. Niente di più sbagliato! In questo caso, “criminalizzarla” è decisamente fuori luogo. Inciviltà umana da rinviare a giudizio, senza se e ma. L'unico messaggio da inviare al colosso del nostro trasporto ferroviario, sarebbe: perchè non incaricare i rispettivi controllori, oltre che verificare i biglietti, di sanzionare amministrativamente chi sporca i servizi sanitari in questo indegno modo? Intercity Milano-Roma: zozzo servito!

 

 

Foto: Marco Chinicò

AddThis Social Bookmark Button

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna