Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

Seguimi anche su

Facebook-iconGoogle-Plus-iconTwitter-2-iconYouTube-icon

Visitatori on line

Abbiamo 80 visitatori e nessun utente online
 

Gli Italiani preferiscono le donne dell’Est: le Valchirie amano veramente gli italiani?

Foto ragazza straniera"Gli uomini preferiscono le bionde". Celebre pellicola di Howard Hawks, datata 1953, con protagoniste Marylin Monroe e Jane Russell.

Due bellissime donne, una bionda, la seconda mora, ballerine di professione, molto amiche, diverse solo caratterialmente e per il modo di intendere e vivere i rapporti sentimentali. Entrambe rispecchiano, perfettamente, lo stereotipo della classica "femme fatal”, da sempre apprezzata dai Signori maschietti. Oggi, in realtà già da parecchio tempo e almeno in Italia, si potrebbe proporre al regista di turno una versione tutta italiana del celebre film musicale. Gli uomini nostrani preferiscono il gentil sesso dell’Est. Bulgare, rumene e russe considerate superiori all’esigentissima donna di casa nostra. Se proprio non sono dell’Est, anche Sudamericane e cubane non passano inosservate.

Fascino donne dellest fotoNotizia di ieri, la RAI ha cancellato il programma del sabato pomeriggio, “Parliamone sabato”, condotta dalla presentatrice TV, Paola Perego. Il servizio finito sul banco degli imputati, parlava dei 6 motivi che dovrebbero spingere un italiano a trovarsi una donna dell’Est come fidanzata. Tema, oggetto di intenso dibattito, che ha fatto infuriare i vertici di Viale Mazzini. “Contenuto incompatibile con i valori del servizio pubblico”. Non è mancato all’appello, l’intervento della Presidente della Camera, Laura Boldrini, che ha definito il servizio stesso andato in onda, gravemente offensivo nei confronti di tutte le donne, italiane e quelle dellEst soprattutto, e altrettanto offensivo nei riguardi dell’uomo. Come spesso accade, quando scende in campo l’opinione pubblica, le disparita di vedute abbondano, rischiando di sfociare così nel tradizionale discorso trito e ritrito, senza arrivare ad alcuna conclusione.

 

 

"Facciamo un salto indietro nel tempo, addirittura di 28 anni". 1989. Cade il Muro di Berlino. Finisce la Guerra fredda, un lungo regime totalitario, la democrazia inizia a venire alla luce, ma ad un caro prezzo: buona parte delle famiglie russe, armene, estoni, ucraine, bielorusse, lettoni, lituane, con i conti bloccati o letteralmente svalutati. Risultato? Costrette a fare i bagagli e a prendere il pullman della speranza per ricostruirsi una nuova vita altrove. Molti di loro hanno potuto studiare, sono laureati e finché l’URSS è esistita, hanno fatto gli avvocati, ingegneri, i fisici o matematici. Stati Uniti; Grande Continente nonché avversario politico della ex potente URSS, la prima meta. Successivamente è toccata all’Italia, rivestire il ruolo di terra promessa per molte donne provenienti da quei posti e da tutte le altre nazioni che, per lunghi anni, hanno subito il regime sovietico. L’invasione polacca, a partire dai primi anni ’90 con la regia di un Papa polacco di nome Karol Woityla, ci dice qualcosa in merito. Chi ha buona memoria cinematografica, ricorderà anche il celebre “Occhio alla Perestrojka”. Film che ha raccontato, seppur in modo inverso e sotto l'aspetto comico e grottesco, questo importante periodo storico. Castellano e Pipolo, anticipando un minimo i tempi, hanno affrontato questo tema oggi così discusso, controverso e che ha portato, addirittura, alla chiusura di un programma televisivo.

Diversi uomini italiani, lo confermerebbero le loro esperienze, molto spesso preferiscono il fascino della bionda dellEst alle bellezze nostrane. Alcune testimonianze, rilasciate non molto tempo fa, ci raccontano: “Le italiane? Viziate, aggressive, carrieriste e trattenute nel sesso. Le orientali o le donne dell'Europa dell'Est sono più gentili, amorevoli, all'antica e nello stesso tempo più libere a letto”.

Ho avuto donne italiane e straniere. Le straniere amano il sesso con il proprio uomo, ne parlano volentieri e non si vergognano né a farlo né a dirlo. Ho ricevuto valanghe di complimenti. Le italiane ne parlano con riservatezza e questo posso ancora accettarlo. Il peggio è che viene interpretato come pura e semplice merce di scambio. Anche qui comunque valanghe di complimenti ma si ha la sensazione che non provino veramente piacere se non c'è di mezzo l'interesse ad ottenere qualcosa. Insomma non smentiscono la vergognosa mentalità italiana fatta tutta di estorsioni e interessi. Inoltre si fa una fatica dell'accidenti a trovare una donna da amare. Sono tutte sospettose e se ti comporti bene con loro, pensano che sei uno sfigato”.

Le donne inglesi o comunque molte straniere sanno vivere il sesso con il proprio partner molto più liberamente e lo vivono in complicità e allegria. Le italiane, ovvio che non vale per tutte, devono sempre avere questa parvenza di brave donne e difficilmente confidano al partner i propri desideri erotici, salvo poi lamentarsi che il lui non la capisce e si trovano l'amante con cui sfogano tutti i loro desideri repressi. È vero che molti uomini vanno con le prostitute ed è anche colpa loro che non sanno rapportarsi con la moglie o la fidanzata, ma è anche vero che forse molte donne italiane pensano di essere fantastiche e uniche, invece a letto valgono veramente poco e dovrebbero smettere di pensare che deve essere sempre l'uomo a capirle e iniziare a essere più loquaci sulle cose importanti come il rapporto di coppia e l'intimità, anziché sulle cavolate come gossip o pettegolezzi dove non si risparmiano”. (Fonte: www.wloski.ang.pl).

Le Valchirie amano veramente gli italiani? E’ vero, sincero, pulito il loro interesse, in confronto a quello verso i loro connazionali o uomini di altra nazionalità? Secondo una vecchia inchiesta svolta da una nota rivista, un campione di giovani signore bielorusse intervistate, persone colte, laureate e in cerca di marito, ha voluto smentire categoricamente la diceria che “alle donne dell’Est piace il “masculazzo” italiano”. Il motivo? Tante dolci parole, ma quando arriva il momento di fare progetti, nessun fatto concreto. Dicono di essere innamorati, ma il giorno dopo cambiano idea anzi, nel giro di poco tempo trovano un’altra ragazza che diventa, improvvisamente, la dama della loro vita. “Cambio della guardia con un solo scricchiolio di dita”. Il Dado sembra essere tratto”, almeno sul fronte bielorusso. Non così matematico l’amore straniero per il “MachomanMade in Italy.

Foto il fascino delluomo italianoLe donne nostrane, alla luce di questo servizio-bufera che ha tanto ha sconvolto la nostra TV di Stato, cosa dicono in merito? Quest’ultime, stando a quanto dichiarato da alcune voci femminili, considera il forte interesse maschile verso la donna dell’Est così: “Sono fessi, ecco perché vanno dietro a quelle dell'Est. La maggior parte delle donne russe, estoni e compagnia bella sono belle, indubbiamente, ma sono anche della grandissime approfittatrici. Fanno tutte le gentili e le premurose solo perché vogliono sposarsi o avere figli, per avere un piede in Italia. Cittadinanza, mantenimento e poi mandano a stendere il marito-babbo italiano. Solo che sono tutti troppo stupidi per capirlo”. (Fonte: http://www.caffeinamagazine.it/dal-web/4817-ecco-perche-gli-italiani-maschi-preferiscono-le-donne-straniere).

Meglio le donne dell’Est o le italiane? Storia di un confronto senza fine, di fiumi d’opinioni diversi, contrastanti, senza alcuna verità certa. "Forse, a voler essere pignoli, qualche verità c'è": gli uomini, da quelli sinceri ai più "farfalloni", poco fedeli, tendenti al tradimento, dimostrano di aver bisogno della "femmina" e di non saper vivere senza di lei. Le donne, nel loro piccolo un pochino approfittatrici e calcolatrici, sanno ancora farsi i calcoli e scegliere con il giusto pizzico di razionalità.

AddThis Social Bookmark Button

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna