Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

Seguimi anche su

Facebook-iconGoogle-Plus-iconTwitter-2-iconYouTube-icon

Visitatori on line

Abbiamo 24 visitatori e nessun utente online
 

Auguri!

AuguriVittime di abusi. Aggressioni, sia verbali che fisiche, dentro le mura domestiche.

Vittime della barbaria di uomini che non sono uomini. Esseri inqualificabili, paragonarli nemmeno agli animali, anche quelli di indole feroce, quest'ultimi spesso i veri "maestri" d'amore ed infinita sensibilità. Vittime di abusi sul lavoro, discriminazioni o vessazioni di sorta. Tante le donne in carriera, altrettanto numerose le gentil signore che, nonostante titoli di studio, esperienze e competenze, non riescono a fare carriera o, se vi riescono, non hanno stipendi ai livelli dei loro colleghi uomini. Dall'inizio degli anni '70 fino ad oggi, hanno dovuto lottare e non poco per emancipazione e riconoscimento di tutti i loro sacrosanti diritti.

 

Le operaie rimaste uccise nel rogo della storica fabbrica di camicie americana. L'origine vera della "festa della donna", secondo alcune fonti anche se buona parte della critica non accosta la nascita del giorno 08 Marzo come festa mondiale a questo tragico evento bensì ad un altro, di non poca importanza. Le donne costrette a lavorare nei campi o nelle risaie in pessime condizioni; le vittime del capolarato, fenomeno che sta spopolando, purtroppo, anche nelle professioni altolocate; i tristi casi di bambine, strappate ad infanzia ed adolescenza, date in sposa ad ultra sessantenni o settantenni. Milioni e milioni di donne assassinate da mariti o ex, fidanzati o ex fidanzati, gelosi, possessivi, non in grado di accettare i loro sbagli, fallimenti o la semplice fine di una storia sentimentale. Notizia fresca e recentissima: diverse donne indonesiane costrette, insieme a tanti minorenni, a lavorare come "povere bestie" e sottopagate in diversi campi dove si produce olio di palma.

 

Oggi, 08 Marzo 2017, più di una semplice Giornata Internazionale della Donna. In circa 30 paesi del mondo, Italia compresa, uno sciopero. Una mobilitazione programmata ed organizzata per dire NO ad abusi, soprusi, e violenza di genere. "Le donne, le nostre donne". Mettere da parte, almeno una volta, le rituali tradizioni consumistiche prediligendo gesti e parole d'amore, la scelta sicuramente più saggia. Ancor più saggio, rivolgere a tutte le gentil ragazze e signore, il più giusto dei pensieri. Auguri!

 

 

 

 

 

 

 

Foto by Photo Bunny Chinics News

AddThis Social Bookmark Button

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna