Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

Seguimi anche su

Facebook-iconGoogle-Plus-iconTwitter-2-iconYouTube-icon

Visitatori on line

Abbiamo 130 visitatori e nessun utente online
 

“Flirt in the Dark”: parola di “Flark”

Appuntamento al buioSms, MMS, scambio di foto, condivisioni, like e contro-like. L’immenso, curioso, a tratti fantastico, a volte deleterio o noioso, mondo di chat e social network.

Vasto pianeta virtuale che da 20 anni circa, invade la vita di giovani e meno giovani che si affidano al web per trovare nuove amicizie, storie e, perché no, anche avventure. Conoscere virtualmente un ragazzo, una ragazza, un gentil uomo o gentil donna, è scritto in tutte le pagine della nostra personale agenda di vita. “Ormai non fa più notizia”. A far notizia, invece, la creatività, i metodi alternativi di approccio con il papabile partner di turno. Ognuno ha la sua personalità, il suo stile, sia ben chiaro. Le possibilità, i mezzi invece, ai quali ricorrere per iniziare una nuova conoscenza sembrano infiniti. Flark ce lo insegna. La nuova applicazione, gratuita, disponibile e scaricabile sia per iOS che Android, ti offre la possibilità di vivere l’emozione di un appuntamento al “buio”. Scaricata la stessa applicazione, non resta che iniziare le “danze” aprendo il proprio account Facebook. In automatico saranno trasferiti il proprio nome o “nickname”, l’età, il sesso e la città in cui si vive e lavora. La novità, il particolare di questa nuova applicazione sta nel fatto che, per la prima volta, non sarà la foto ad essere determinante nel primo impatto bensì una frase di approccio. Più la frase è accattivante, creativa, colpisce, più c’è la concreta possibilità di poter far breccia nell’animo del vostro possibile Cavaliere o Dama. Da qui potrebbe nascere una piacevolissima conversazione con la persona che avete “conquistato” virtualmente. Foto oscurate e dialogo al “buio” per i primi tre giorni. Trascorse queste 72 ore, le “carte si scoprono”, le foto si schiariscono, la vostra identità emerge, a quel punto giunge il momento del verdetto finale. “Continuare la conoscenza oppure salutarsi definitivamente, cercando un'altra persona”.

People as they are, not as they appear”. "Conoscere una persona, conquistarsi la sua simpatia, la sua amicizia per come siamo veramente, non per come appariamo". Questo motto, il punto di partenza che ha permesso ad un gruppo di “creativi e fantasiosi” ragazzi milanesi di dare alla luce questa stessa realtà virtuale. Geniale? Divertente? Emozionante oppure noiosa? I commenti lasciamoli agli altri. “La folta schiera di favorevoli e contrari non mancherà”. “Flirt in the Dark”: parola diFlark”.

 

 

 

 

 

Foto: SeduzioneVera.com

AddThis Social Bookmark Button

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna