Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

Seguimi anche su

Facebook-iconGoogle-Plus-iconTwitter-2-iconYouTube-icon

Visitatori on line

Abbiamo 109 visitatori e nessun utente online

Roma, Musei Vaticani: "Munnezz servita"

Roma, quartiere prati. A metà strada fra Cipro e Ottaviano, a circa una ventina di metri dal grande ingresso che ci porta, dritti dritti, verso i conosciutissimi Musei Vaticani.

Giornalisti italiani al fianco dei colleghi di Iran, Egitto e Turchia

Iran, Egitto, Turchia. “Parlare di libertà, in questi paesi, è l’emblema della pura follia umana”.

Harakiri Karachinics: "Dopo il digiuno....il "diversamente digiuno"

Digiuno”. Obbligo che il mondo di fede islamica assolve, rigorosamente, durante il periodo del conosciutissimo “Ramadan”.

"Da Kevin a Giulio": un bambino autistico "rimasto solo" a scuola

Chi non ricorda il piccolo Kevin? Celebre personaggio di due capolavori degli anni ’90, “Mamma ho perso l’aereo” e “Mamma ho riperso l’aereo”.

Severino Pellegrino: geometra umiliato e "stroncato" dalla malagiustizia

Severino Pellegrino. 52 anni, napoletano, geometra di professione.

"Quando boss ed ex terroristi parlavano ad Enzo Biagi e Sergio Zavoli".....

Salvatore Riina o, come lo conosce l'opinione pubblica, Totò Riina.

03 maggio 2016: "Accendi la memoria". "Reggio Calabria non vuol dimenticare"

"Un lavoro molto lungo, faticoso". "Il sacrificio è sempre all'ordine del giorno".

Ordine dei Giornalisti: "la riforma kamikaze "ammazza pubblicisti"

"Elenco pubblicisti ad esaurimento entro il 31 agosto 2012". Queste le voci di corridoio che, quattro anni e mezzo or sono, aleggiavano sull'asse Parlamento Italiano-Odg. "Eliminazione elenco pubblicisti", questa la seconda, non meno inquietante, news circolante. "Tanto rumore per nulla".

40 anni con TG1 e TG2: "auguri"

"Riforma del servizio pubblico". Oggetto di discussione nel corso degli ultimi mesi, non esente da scontri piuttosto accesi fra giornalisti e vertici aziendali.