Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

Seguimi anche su

Facebook-iconGoogle-Plus-iconTwitter-2-iconYouTube-icon

Visitatori on line

Abbiamo 70 visitatori e nessun utente online
 

“Caldo forte ed anomalo, si scioglie Permafrost”: allagato lo Svalbard Global Seed Vault

Foto Svalbard Global Seed VaultSvalbard Global Seed Vault. La “Banca del Seme”.

Ci troviamo nell’isola di Spitsbergen, facente parte delle Isole Svalbard, estremo nord della Norvegia, affacciati sul Mar Glaciale Artico. Dire che, solitamente, abbiamo a che fare con temperature polari, non fa più notizia. Ordinaria amministrazione; questo il giusto termine! I tanto temuti cambiamenti climatici, a quanto sembra, son giunti anche qui. Un caldo forte, decisamente anomalo, considerata l’area geografica in cui ci troviamo. La potenza del caldo è tale che diverse infiltrazioni d’acqua portano allo scioglimento del Permafrost. Lo Svalbard Global Seed Vault si allaga! Un fatto inverosimile a dirsi, considerato dove si è verificato e il tipo di ambiente, abituato a tutt’altro tipi di clima, minimamente paragonabile al nostro. Questo grande centro ha un ruolo di vitale importanza: custodire i semi che rappresentano il nostro fabbisogno alimentare, in particolare in caso di disastro globale. Costruito con delle tecniche moderne, idonee a proteggere l’intero impianto da violenti attacchi in caso di guerra, nucleari soprattutto. Forse non si è calcolato, con non poca superficialità, eventuali danni provenienti da fenomeni climatici; gli “attacchi”, a voler usare una piccola metafora “bellica”, di natura meno prevedibili, ma stranamente, i più sottovalutati rispetto alla feroci intenzioni umane.

 

La Crop Trust e il NordGen, rispettivamente Ministero dell’Ambiente e dell’Agricoltura, assicurano che tutti i semi sono al sicuro, non hanno subito danni come non ha alcun danno irreversibile l’intero impianto. Al tempo stesso, i due Ministeri fanno sapere che presto si dovrà pensare ai lavori di riparazione, non escludendo una ristrutturazione volta ad impedire, possibili future infiltrazioni. Altrettanto importante sarà la costruzione di un impianto di irrigazione nella collina vicina, in modo tale che l’acqua difficilmente si avvicini al tunnel di accesso. Svalbard Global Seed Vault un po’ malconcia, fortunatamente non distrutta. “Anche nel posto che non t’aspetti, la bellissima Norvegia, il maledetto caldo è riuscito a colpire”.


 

 

 

 

 

 

Foto: greenme.it

 

 

 

 

AddThis Social Bookmark Button

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna